Cos’è una vacanza?

PantareiClessidra Ribelle0 Comments

Clessidra Ribelle | di Silvia Crupano |

Ci chiediamo spesso, o leggiamo, ascoltiamo riflessioni sul concetto di viaggio e – specie nei periodi estivi – sull’idea di vacanza. Ma se è vero che per ciascuno queste “evasioni” hanno un significato e una declinazione diversi, ciò che hanno in comune è senza dubbio l’esperienza della “riscoperta”. Che si tratti di assaporare nuovamente ritmi e attività impossibili o dimenticate nei mesi lavorativi o di ritornare in luoghi già visitati, oppure ancora di rivedere persone lontane, la vacanza svela soprattutto chi siamo veramente.

Liberi da vincoli di orario, consuetudini, controlli e obblighi, entriamo in quella magica atmosfera estiva che, soprattutto nelle località di mare, tanto somiglia a un miraggio: i ritmi rallentano, l’esposizione al sole ipnotizza e rilassa, i cibi sono più gustosi e sani, la mente vaga fra pensieri e riposo. Chi non ha provato questa sensazione di beato spaesamento, così dolcemente cantata da Gino Paoli nella sua “Sapore di sale”?
Riaffiorano abitudini e stili di vita sepolti dentro di noi per mesi e mesi, ci sembra di tornare bambini e poter fare ed essere tutto ciò che vogliamo, come se la stagione non dovesse mai finire. E difatti a settembre ci sentiamo ritemprati, come nuovi e carichi di buone intenzioni ed entusiasmi: pronti a nuovi inizi, a fare i conti con quei problemi rimasti ad attenderci, capaci di prendere in mano la nostra vita. Dura poco, lo sappiamo, ma non importa: la verità più preziosa è che il modo in cui viviamo queste parentesi racconta la nostra storia, mette in scena – capovolgendole in lieto fine – le nostre frustrazioni, i sogni impolverati nel cassetto, quei lati del carattere che per tanti diversi motivi il resto dell’anno non vedono la luce.

Gli esiti sono, naturalmente, positivi e negativi: c’è chi può abbigliarsi comodamente, scendendo dai tacchi a spillo e svestendo opprimenti “divise” da ufficio, chi in agosto legge tutti i libri accumulati nei precedenti undici mesi, chi riesce a mettersi a dieta perché col caldo e il “ritorno alla natura” il leggerissimo cibo estivo è particolarmente appetibile, chi ama viaggiare e si lancia in faticose esplorazioni da condividere subito sui social network.
Ma purtroppo questa sorta di “tana liberi tutti!” che è la vacanza, libera anche istinti assai sgradevoli: bambini a briglia sciolta che sfogano tutta la maleducazione imparata dai genitori, con schiamazzi che frantumano ogni idea di quiete; adulti – o presunti tali – che assumono atteggiamenti da regresso adolescenziale e collezionano – secondo i gusti – inchiodate sulla strada a pochi centimetri dalle gambe di qualcuno, amanti estive volgarmente esibite, spazzatura su spiagge, in mare e nei boschi.

Per chi scrive, la riscoperta consiste nel tornare nell’amata Sicilia e ritrovarsi a contatto non solo con la propria identità più autentica ma anche con divertenti o affascinanti “esperimenti antropologici”. Alcuni paesini siciliani sono vere porte per viaggiare nel tempo, una finestra su “come eravamo” non troppi decenni fa: dialetto stretto anzi, un’altra lingua, una cultura che insieme è ignoranza e “sapere popolare”, evidenti arretratezze sociali e amministrative. Ma anche una semplicità e immediatezza di modi, pensieri e parole che nelle nostre sofisticate città di rado si incontrano, presi come siamo da “cosmesi comunicative”, sottigliezze, ipocrisie. E allora anche andare a comprare il pesce al porticciolo può diventare un’esperienza indimenticabile, così come di certo resterà impresso nella memoria quel ragazzo a cavallo, senza sella, che all’improvviso una sera è spuntato fra le auto da un incrocio trotterellando come se nulla fosse.

Come in tutte le ricerche, non sempre ciò che si scopre alla fine rende felici e allora ci si racconta che dev’esserci un errore, che non era quello che si stava cercando, che quelli non siamo noi. Tuttavia, ripensando agli aneddoti, a quello specialissimo stato di sospensione dallo spazio e dal tempo, a quanto ci siamo sentiti liberi, rinunciamo ad ogni mascheramento: sì, eravamo proprio noi, siamo noi, nudi e puri in tutte le vite e le esperienze che avremmo voluto scegliere e che la contingenza ci ha sottratto. Finché la magia dell’estate non ce le ha restituite, almeno per qualche giorno.

S.C.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *