Mario De Caro

Mario De Caro è Professore associato di Filosofia morale all’Università Roma Tre. Dal 2000 insegna anche alla Tufts University (Massachusetts), dove è regolarmente Visiting Professor. È stato Fulbright Fellow alla Harvard University e, per due volte, Visiting Scholar al Massachusetts Institute of Technology (MIT).
È autore di tre monografie (per gli editori Carocci, Laterza e Il Mulino) e curatore di venti volumi o fascicoli di rivista, di cui sei con case editrici straniere (Harvard University Press, Columbia University Press, Springer e Kluwer) e quattordici in italiano (Einaudi, Carocci, Codice, Quodlibet, Meltemi, Rivista di filosofia, The Monist, Rivista di estetica, Paradigmi, Verifiche). Ha in preparazione volumi e antologie per le case editrici Laterza, Carocci e Harvard University Press. Ha inoltre pubblicato 100 articoli scientifici in cinque lingue, in raccolte (per gli editori Harvard UP, Oxford UP, Routledge, Cambridge UP, Columbia UP, Kluwer, Springer, Cambridge Scholars, Mentis, Ontos, Rodopi, Einaudi, Il Mulino, Carocci, Bompiani, Cortina, Laterza, Bruno Mondadori, Enciclopedia Italiana) e riviste (tra cui Rivista di Filosofia, Neuroethics, Review of Metaphysics, Philosophical Review, Paradigmi, Sistemi intelligenti, Iride, Rivista di estetica, International Journal of Philosophical Studies, Notre Dame Philosophical Review, Lingua e stile, Filosofia e questioni pubbliche, Fenomenologia e società, Rivista di storia della filosofia, Quaestio, Giornale italiano di psicologia, Etica & politica, Vita e pensiero, Linguistic and Philosophical Investigations, Philosophical inquiries, Archives internationales d’histoire des sciences, Physics, Epistemologia, Filosofia e psicologia).
È Vicepresidente della Consulta Nazionale di Filosofia. E’ stato Presidente della Società Italiana di Filosofia Analitica. È membro del Comitato direttivo della Associazione Italiana di Scienze Cognitive (AISC), del Comitato direttivo della Società Italiana di Neuroetica e di Filosofia delle Neuroscienze, del comitato direttivo della Società Filosofica Italiana, sezione romana, del Comitato direttivo della Società Italiana di Filosofia Analitica. Ha fatto parte del “Committee on Academic Career Opportunities and Placement” dell’American Philosophical Association (2010-2013), di cui è membro.
È stato consulente della Commissione Fulbright, del Social Sciences and Humanities Research Council del Canada, del Ministério da Ciência, Tecnologia e Ensino Superior del Portogallo e della Research Foundation delle Fiandre, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
È condirettore, con Maurizio Ferraris, della collana “Nuovo realismo” dell’editore Mimesis.
È delegato del Rettore di Roma Tre ai rapporti con gli studenti ed è stato per otto anni membro del Consiglio di Amministrazione di quella università.
È stato, ed è, coordinatore locale di programmi di ricerca confinanziati con il PRIN (2007-2008 e 2010-2011).
È membro del Consiglio Scientifico delle riviste scientifiche tra cui Rivista di estetica, Paradigmi, Philosophical Inquiries, Filosofia e questioni pubbliche, Colloquium Philosophicum, Anthropologica, Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia, Linguistic and Philosophical Investigations, Review of Contemporary Philosophy, Analysis and Metaphysics.
È membro del “Gruppo di lettura” di filosofia dell’editore Il Mulino.
È referee per gli editori Harvard University Press, Columbia University Press, Routledge, Acumen Publisher, Laterza, Il Mulino, Fazi, Quodlibet e per le riviste Synthese, Philosophical Explorations, Journal of Cognitive Science, Sistemi intelligenti, Rivista di estetica, Filosofia politica, Topoi, Filosofia e questioni pubbliche e Paradigmi.
È stato invitato a tenere relazioni negli Stati Uniti (Harvard University, Princeton University, Dartmouth College, University of Notre Dame, College of the Holy Cross, Colby College, Boston College, University of Massachusetts at Amherst, Saint Mary’s College Indiana, University of New Hampshire, Case Western University, Indiana University at Bloomington, Tufts University), Francia (Institute Jean Nicod – École Normale Supérieure de Paris, Paris IV-Sorbonne), Svizzera (Genève, Bern, Scuola di Alti Studi Pedagogici di Locarno), Germania (Bamberg, Bonn, Heidelberg), Serbia (Belgrado), Croazia (Rijeka), Portogallo (Lisbon), Spagna (Universidad Autónoma de Madrid) e in oltre quaranta università italiane.
È stato membro di commissioni di dottorato presso le università di: Columbia University, Paris IV – Sorbonne, Universidad de Valencia, Universidad Autonoma de Madrid, Gerona, Genova, LUISS (Roma), Roma “Tor Vergata”, Firenze, Padova, Pavia, Sassari, Macerata, Siena e relatore o correlatore di tesi di laurea presso Scuola Normale Superiore di Pisa, Università “La Sapienza” di Roma, Università di Siena, Università di Aquila, Università Statale di Pisa.
I suoi principali interessi di studio riguardano la questione del libero arbitrio, le prospettive del naturalismo filosofico, la neuroetica, la metaetica, l’epistemologia, la teoria dell’azione e la storia della filosofia e della scienza della prima modernità.

 

Fra le sue molte pubblicazioni ricordiamo:

  • Dal punto di vista dell’interprete, Carocci, Roma 1998
  • Il libero arbitrio, Laterza, Roma-Bari, 2004
  • Azione, Il Mulino, Bologna (collana “Il lessico della filosofia), 2008
  • Cos’è il nuovo realismo, Mimesis, Milano, in corso di stampa
  • Cosa vuol dire essere liberi, Laterza, Roma-Bari, in preparazione
  • Donald Davidson, Carocci, Roma, in preparazione

Ha inoltre curato diverse antologie, in italiano e in inglese:

  • Logica della libertà, Meltemi, Roma, 2002 (saggi, tradotti da A. Perri, di A. Ayer, R. Chisholm, P.F. Strawson, P. van Inwagen, H. Frankfurt)
  • Normatività, fatti, valori (con R. Egidi e M. Dell’Utri), Quodlibet, Macerata, 2003 (saggi di G.H. von Wright, F. Castellani, G. Corradi, M. De Caro, F. Di Lorenzo, R. Egidi, M. Marzano, G. Meggle, R. Mordacci, S. Nannini, J. Quartarone, G. Romano, C. Bianchi, R. Calcaterra, L. Caruana, M. Dell’Utri, M. Dorato, A. Emiliani, P. Giaretta, P. Leonardi, M. Marraffa, M. Santambrogio, G. Usberti, G. Zanet, F. Allegri, A. Artosi e S: Vida, G. Carcaterra, B. De Mori, J. Horsnby, P. Donatelli, L. Parisoli, G. Pellegrino, D. Piana, C. Redondo)
  • Scetticismo. Storia di una vicenda filosofia (con E. Spinelli), Carocci, Roma 2007 (prima ristampa 2007, seconda ristampa 2008) (saggi di A. Coliva, M. De Caro, M. Dell’Utri, R. Egidi, C. Ferrini, E. Lecaldano, A. Maierù e L. Valente, G. Paganini, P. Rodano, E. Spinelli)
  • Siamo davvero liberi? Le neuroscienze e il mistero del libero arbitrio (con A. Lavazza e G. Sartori), Codice, Torino 2010
  • La filosofia analitica e le altre tradizioni (con S. Poggi), Carocci, Roma, 2011
  • Bentornata realtà (con M. Ferraris), Einaudi, Torino, 2012
  • Quando siamo liberi? Filosofia, neuroscienze e società (con A. Lavazza e G. Sartori), Codice, Torino, 2013
  • Libero arbitrio: storia di un’idea filosofica (con M. Mori e E. Spinelli) (saggi di M. De Caro, L. Fonnesu, G. Lettieri, M. Mori, C. Natali, P. Porro, E. Spinelli, F. Trabattoni) Carocci, Roma, in corso di stampa
  • Interpretations and Causes: New Perspectives on Donald Davidson’s Philosophy, Synthese Library (vol. 285), Kluwer Publishers, Dordrecht/Boston/London, 1999 (saggi di D. Davidson, M. De Caro, A. Bilgrami, E. Picardi, E. Lepore, R. Egidi, M. Cavell, P. Leonardi, S. Gozzano, T. Warfield, S. Nannini, R. Di Rosa, N. Tennant, A. Rainone, P. Ludlow)
  • Naturalism in Question (con David Macarthur), Harvard University Press, Cambridge (Mass.), 2004/2008 (saggi di H. Putnam, D. Davidson, J. McDowell, J. Dupré, A. Bilgrami, J. Hornsby, B. Stroud, S. White, E. Kelly, C. Rovane, H. Price, S. Cavell, D. Macarthur, M. De Caro)
  • Cartographies of the Mind. Philosophy and Psychologyin Intersection (con M. Marraffa e F. Ferretti), Springer, Dordrecht 2007 (saggi di T. Bayne, R. Cordeschi e M. Frixione, M. De Caro, M. Di Francesco, D. Giarretta e P. Cherubini, E. Gola, S. Gozzano, C. DeLancey, F. Ferretti, G. Jervis, R. Kennedy e G. Graham, A. Kostko e J. Bickle, F. Macpherson, M. Marraffa, C. Meini, A. Mele, E. Nahmias, A. Paternoster, G. Piccinini, J. Sutton, S.L. White, T. Zalla)
  • Naturalism and Normativity (con D. Macarthur), Columbia University Press, New York 2010 (saggi di A. Bilgrami, M. De Caro e A. Voltolini, J. Dupré, P. Godfrey-Smith, E. Kelly e L. Macpherson, D. Macarthur, M. McGinn, H. Price, H. Putnam, R. Rorty, C. Rovane, S. White)
  • The Architecture of Knowledge. Epistemology, Agency, and Science (con R. Egidi), Carocci, Roma 2011 (saggi di P. Giaretta, S. Nannini, J. Friggieri, M. Dell’Utri, M.C. Amoretti e N. Vassallo, C. Lumer, P. Engel, M. Marsonet, M. De Caro e M. Marraffa, P. Parrini, C. Bourne, C. Calosi, A. Moretto, R. Egidi).
  • Curatore (con D. Macarthur) del volume di saggi di Hilary Putnam, Philosophy in the Age of Science, Harvard University Press, Cambridge (MA), 2012
  • Curatore del volume di saggi di Hilary Putnam, In Dialogue, Harvard University Press, Cambridge (MA), in preparazione
 
Mario De Caro Bentornata RealtàBentornata realtà. Il nuovo realismo in discussione
(Einaudi, 2012)

Che cosa c’è di nuovo nel “nuovo realismo” di cui si parla tanto da un anno a questa parte, in Italia e all’estero? E il nuovo realismo non significa un ritorno alla vecchia metafisica? Come si collega alle voci più vive della situazione filosofica internazionale? E quali sono i risvolti teorici e politici della messa in crisi del postmoderno? Ecco alcuni degli interrogativi a cui risponde questo volume fornendo una straordinaria batteria di argomenti a favore del realismo, ma anche dando spazio a voci dissenzienti.

Mario De Caro Andrea Lavazza Quanto siamo davvero responsabiliQuanto siamo responsabili? Filosofia, neuroscienze e società, con Andrea Lavazza e Giuseppe Sartori
(Codice edizioni, 2013)

Qualità individuale, virtù pubblica, fondamento dei legami e delle relazioni: il concetto di responsabilità è tanto pervasivo quanto apparentemente intuitivo, ma in realtà a uno sguardo più attento rivela grandi sorprese e questioni aperte. Mario De Caro, Andrea Lavazza e Giuseppe Sartori, proseguendo l’analisi condotta in “Siamo davvero liberi?”, incrociano i risultati delle neuroscienze e della psicologia sperimentale, le indagini filosofiche e gli aspetti giuridici. Se il mondo e il cervello sono deterministici, può esistere la responsabilità? Fino a che punto è possibile attribuirsi le conseguenze di un’azione? Quando, in sede penale, possiamo essere imputabili di un reato? Cosa significa, in definitiva, una vita vissuta responsabilmente? Domande fondamentali non solo sul piano intellettuale, ma anche per le loro ricadute sulla nostra esistenza e sulla società.

Mario De Caro AzioneAzione
(Il Mulino, 2008)

Il volume offre una trattazione sistematica, sia storica sia teorica, del concetto di azione, uno dei più cruciali dell’intera storia della filosofia. Nell’affrontare i radicali cambiamenti di prospettiva che da Platone alla filosofia contemporanea hanno accompagnato la riflessione sulla natura, gli scopi e la rilevanza dell’agire, viene dedicata particolare attenzione all’uso che del concetto di azione è stato fatto in filosofia politica, in etica, nella discussione sul libero arbitrio e in filosofia analitica. Oltre ai grandi filosofi della tradizione, sono discussi con rilievo i contributi che hanno fornito su questo tema importanti autori contemporanei, da Karl Schmitt a Hannah Arendt, Ludwig Wittgenstein, Donald Davidson e Jürgen Habermas.

Mario De Caro Il libero arbitrioLibero arbitrio. Una introduzione
(Laterza, 2004)

Un’introduzione generale alla discussione sulla libertà di scelta e di azione. L’accento è posto sul dibattito contemporaneo, senza tralasciare la tradizione classica. Vengono analizzate questioni come la possibilità e la natura della libertà, il nesso tra libero arbitrio e responsabilità, il rapporto tra determinismo e libertà. Dalla definizione dei termini della discussione, l’autore passa all’enunciazione delle principali concezioni della libertà, mostrandone pregi e limiti, e all’analisi di alcune importanti posizioni scettiche.

Mario De Caro Dal  punto di vista dell'interprete. La filosofia di Donald DavidsonDal punto di vista dell’interprete. La filosofia di Donald Davidson
(Carocci, 1998)

Nella filosofia anglosassone contemporanea Donald Davidson è il filosofo dell’interpretazione. Adottando un approccio rigorosamente ex parte interpretis, Davidson ha offerto contributi fondamentali in una molteplicità di ambiti: in filosofia del linguaggio ha introdotto la feconda nozione di teoria del significato; in metafisica ha proposto analisi ormai classiche di concetti come “evento”, “causa”, “azione”; in filosofia della mente ha elaborato la fortunata concezione del “monismo anomalo”; in epistemologia, infine, ha svolto una serrata critica delle posizioni epistemologiche neocartesiane, elaborando un originale progetto alternativo. Il volume offre un inquadramento critico complessivo del pensiero di Davidson, alla luce di un interrogativo fondamentale: che cos’è, e com’è possibile, l’interpretazione’.